1


www.cittametropolitana.ve.it
 
Home Servizi circolazione
Agenzie e autoscuole:
Autoscuole
Richiesta utilizzo autovettura multiadattata
Convenzione per l'utilizzo dell'autovettura multiadattata
Elenco autoscuole
Agenzie (Studi di consulenza)
Agenzie (Studi consulenza) programmazione
Elenco agenzie
Legislazione sulle Autoscuole
Regolamento provinciale autorizzazione e vigilanza sulle autoscuole
Legislazione sulle Agenzie e Studi consulenza parte I
Legislazione sulle Agenzie e Studi consulenza parte II
Revisioni Veicoli
a Motore
Scuole Nautiche
Autorizzazioni distanze minime da ferrovie
Impianti carburante
Patente a Punti
Educazione stradale


SERVIZI ALLA CIRCOLAZIONE: AGENZIE ED AUTOSCUOLE E AUTOFFICINE REVISIONI

REVISIONI DEI VEICOLI A MOTORE


(ing. Fabio Boaretto tel. 041 2501987; e-mail: revisioni@cittametropolitana.ve.it)

La Città metropolitana di Venezia ha compiti in materia di rilascio di autorizzazione alle imprese di autoriparazione per l'esecuzione delle revisioni e al controllo amministrativo sulle imprese autorizzate, in base all'art. 105 comma 3 lett. d) del D.Lgs. n. 112/98.

La Città metropolitana di Venezia ha assunto il pieno esercizio delle funzioni, subentrando alla Provincia di Venezia il 31/08/2015; quindi da tale data rilascia le predette autorizzazioni, sia nuove, sia per estensione ai ciclomotori e motoveicoli.

Il Commissario prefettizio, nella competenza del Consiglio, ha approvato con delibera n° 29/2015 del 07/08/2015, le modifiche al "Regolamento per l'attività di revisioni veicoli".

Lo Stato, attraverso il Ministero delle Infrastrutture e del Trasporti - Dipartimento per i Trasporti Terrestri, mantiene le funzioni relative alle revisioni generali e parziali sui veicoli a motore e i loro rimorchi, anche tramite le officine autorizzate e al controllo tecnico sulle stesse officine.

ELENCO OFFICINE AUTORIZZATE DELLA CITTA' METROPOLITANA DI VENEZIA

NUOVO CARTELLO AUTORIZZAZIONE CENTRO REVISIONI (formati PDF e JPG)

AUTORIZZAZIONI

Le revisioni periodiche degli autoveicoli capaci di contenere al massimo 16 persone compreso il conducente ovvero con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 tonnellate, nonché di ciclomotori e motoveicoli possono essere affidate a:

  • Imprese di autoriparazione iscritte nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane di cui all'art. 10 del D.P.R. 14.12.1999 n. 558 istituito presso la CCIAA e che esercitano effettivamente tutte le attività previste dall'art. 1 comma 3 della legge 05.02.1992 n. 122. Tali attività si distinguono in 4 sezioni che nell'ordine sono: meccanica e motoristica, carrozzeria, elettrauto, gommista.
  • Consorzi o società consortili anche in forma di cooperativa appositamente costituite tra imprese di autoriparazione iscritte ciascuna nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane di cui all'art. 10 del D.P.R. 14.12.1999 n. 558 e che esercitano effettivamente una delle attività previste dall'art. 1 comma 3 della legge 05.02.1992 n. 122. Qualora l'impresa eserciti più di una attività può partecipare a raggruppamenti individuati nell'ambito del consorzio per coprire esclusivamente il numero delle attività effettivamente svolte, necessario a garantire a ciascun raggruppamento la copertura di tutte le quattro attività senza determinare duplicazioni di competenze nel medesimo raggruppamento.

RICHIESTA DELL'AUTORIZZAZIONE

Le imprese di autoriparazione che richiedono l'affidamento delle revisioni devono presentare al dirigente del Servizio Trasporti quanto segue :

  • Domanda di autorizzazione
  • Documentazione atta a completare la domanda: capacità finanziaria (all. A ), strumentazione (all. B), accreditamento del responsabile tecnico (all. C ), richiesta collegamento al Sistema Informativo del D.T.T. (all. D).

Visto l'esito favorevole del controllo effettuato da funzionari tecnici del Servizio Trasporti e M.C.T.C. e verificata la sussistenza di tutti i requisiti richiesti, nonché la regolarità della documentazione presentata viene rilasciata l'autorizzazione.

ESTENSIONE DELL'AUTORIZZAZIONE PER EFFETTUARE LA REVISIONE DI CICLOMOTORI E MOTOVEICOLI

Le imprese di autoriparazione già in possesso dell'autorizzazione per la revisione di soli autoveicoli che intendano effettuare anche la revisione di ciclomotori e motoveicoli devono presentare al Dirigente del Servizio Trasporti quanto segue : ·

  • Domanda di estensione dell'autorizzazione anche ai ciclomotori e motoveicoli;
  • Documentazione atta a dimostrare il possesso delle attrezzature per effettuare i controlli dei ciclomotori e motoveicoli secondo il modello dell'allegato B;
  • planimetrie dei locali in cui vengono effettuate le operazioni di revisione, in scala 1:100, vidimata da un tecnico abilitato e l'indicazione dell'esatta ubicazione delle attrezzature e strumentazioni.

Visto l'esito favorevole del controllo tecnico effettuato da funzionari tecnici del Servizio Trasporti e M.C.T.C. e accertata la permanenza di tutti i requisiti previsti, viene rilasciata una nuova autorizzazione.

ONERI DI ISTRUTTORIA CITTA' METROPOLITANA DI VENEZIA

TIPOLOGIA DI PROCEDIMENTO

ONERI DI ISTRUTTORIA

 

RILASCIO NUOVE AUTORIZZAZIONI

 

€ 50

NOMINA E/O DIMISSIONI RESPONSABILE TECNICO

€ 20

NOMINA E/O DIMISSIONI SOSTITUTO RESPONSABILE TECNICO

ESTENSIONE E/O REVOCA AUTORIZZAZIONE PER PARTICOLARI CATEGORIE DI VEICOLI

SOSSPENSIONE/REVOCA AUTORIZZAZIONE A RICHIESTA

CAMBIO SEDE LEGALE / OPERATIVA

AGGIORNAMENTO DATI E VARIAZIONI SU ISTANZA DI PARTE

RINNOVO AUTORIZZAZIONI

è possibile effettuare il pagamento in uno dei seguenti modi:

  • bonifico bancario sul conto bancario intestato a: Città metropolitana di Venezia - Servizio di Tesoreria – IBAN IT69T0200802017000101755752 UNICREDIT BANCA S.p.A. – Agenzia Mercerie dell’Orologio San Marco, 191 - 30124 Venezia;
  • bollettino di conto corrente postale n. 17470303 intestato a: Città metropolitana di Venezia – Servizio Trasporti – Servizio di Tesoreria – San Marco, 2662 – 30124 Venezia, con la causale;
  • bonifico postale sul conto corrente postale intestato a: Città metropolitana di Venezia – Servizio Trasporti – Servizio di Tesoreria - IBAN IT16K0760102000000017470303;
  • on line con carte di credito o altri sistemi di pagamento elettronico utilizzando il seguente link:
    http://cittametropolitana.ve.it/pagamenti-on-line.html

ONERI DI SOPRALLUOGO MOTORIZZAZIONE CIVILE

Ai fini del sopralluogo propedeutico al rilascio dell’autorizzazione da parte dei tecnici della Motorizzazione Civile, è necessario versare l’importo di € 103,29 sul conto corrente postale n. 9001 intestato a Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (bollettino precompilato).

 

RESPONSABILE TECNICO

L'accreditamento del responsabile tecnico presso l'impresa autorizzata viene riconosciuto rilasciando all'impresa medesima un atto in bollo nel quale si evidenzia che ai sensi dell'art. 240 del regolamento di esecuzione del vigente codice della strada come modificato dal D.P.R. 05.06.2001 n. 360 esso è tenuto a presenziare e certificare personalmente tutte le fasi delle operazioni che si riferiscono alla sua responsabilità.

È possibile ottenere l'accreditamento di più persone quali responsabili tecnici, fermo restando che la funzione deve essere svolta da una sola persona alla volta, e che l'assegnazione e la cessazione dell'incarico devono essere tempestivamente comunicate alla Città metropolitana di Venezia e all'Ufficio Provinciale D.T.T.

Il responsabile tecnico deve possedere i requisiti previsti dal regolamento (art. 240):

a) avere raggiunto la maggiore età;

b) non essere e non essere stato sottoposto a misure restrittive di sicurezza personale o a misure di prevenzione;

c) non essere e non essere stato interdetto o inabilitato o dichiarato fallito ovvero non avere in corso procedimento per dichiarazione di fallimento;

d) essere cittadino italiano o di altro stato membro della Comunità Europea, ovvero di uno Stato anche non appartenente alla Comunità Europea, con cui sia operante specifica condizione di reciprocità;

e) non avere riportato condanne per delitti, anche colposi e non essere stato ammesso a godere dei benefici previsti dall'articolo 444 del codice di procedura penale e non essere sottoposto a procedimenti penali;

f) essere fisicamente idoneo all'esercizio dell'attività in base a certificazione rilasciata dal competente organo sanitario del Comune di esercizio dell'attività;

g) aver conseguito un diploma di perito industriale, di geometra o di maturità scientifica ovvero un diploma di laurea o di laurea breve in ingegneria;

h) essere in possesso dell'attestato d'idoneità professionale rilasciato dalla Regione/Provincia autonoma per responsabile tecnico di operazioni di revisione periodica dei veicoli a motore prevista dall'art. 240 primo comma lett. h) del D.P.R. 16/12/1992, n° 495.

RESPONSABILE TECNICO - SOSTITUZIONE TEMPORANEA

La sostituzione temporanea del responsabile tecnico, in caso di assenza o impedimento, è stata disciplinata con il d.m. 30-04-2003, prevedendo i requisiti professionali del personale sostituto, che consentono l'accreditamento presso l'impresa autorizzata in qualità di sostituto temporaneo del responsabile tecnico previa domanda alla quale segue il rilascio dell'atto di nomina del tecnico. La sostituzione temporanea è ammessa per un periodo massimo di trenta giorni annui, e le date di inizio e fine dei singoli periodi di sostituzione devono essere tempestivamente comunicate alla Città metropolitana di Venezia e all'Ufficio D.T.T., utilizzando l'apposito modulo di comunicazione.

VARIAZIONE DI ELEMENTI ESSENZIALI DEL SOGGETTO AUTORIZZATO

Ogni variazione sostanziale del soggetto giuridico autorizzato (come ad esempio la trasformazione di una impresa singola in società, l'aggregazione in consorzio di imprese singole, la trasformazione o fusione di società, ecc.) comporta il rilascio di una nuova autorizzazione e quindi si deve produrre domanda in bollo.

Nei casi di mutamenti non sostanziali del soggetto giuridico autorizzato (come ad esempio l'ingresso di nuovi soci o il recesso di alcuni, il cambio della denominazione sociale, la sostituzione o l'integrazione con altri del responsabile tecnico) è sufficiente comunicare al dirigente del Servizio Trasporti le predette variazioni al fine dell'aggiornamento.

Nel caso della sostituzione o di integrazione del responsabile tecnico si deve presentare domanda, verificati i requisiti personali e tecnico-professionali che devono essere dichiarati secondo l'apposito modello allegato al predetto schema di domanda, viene rilasciato un atto in bollo.

TARIFFARIO AGGIORNATO

Tariffario aggiornato per lo svolgimento delle operazioni di revisione veicoli.

VIGILANZA AMMINISTRATIVA

La vigilanza sull'applicazione delle norme, con esclusione di quelle relative alle modalità tecniche con cui vengono effettuate le revisioni, rimaste nella competenza statale, è svolta direttamente dalla Città metropolitana. Essa viene espletata direttamente dai dipendenti del Servizio Trasporti.

Nel corso del sopralluogo ispettivo viene redatto un verbale, fatto controfirmare dal titolare o dal responsabile tecnico.

Il predetto verbale viene stilato in forza di una scheda di valutazione dell'attività.

 

LEGISLAZIONE E NORMATIVE

art 80 cds

art 239 rcds

art 240 rcds

art 241 rcds

Appendice X- Art. 241

Delibera Commissario Prefettizio (competenza Giunta) n. 84/2015 del 07/08/2015

Decreto del Settore Mobilità e Trasporti n. 35/2002

Decreto del Settore Mobilità e Trasporti n. 45/2002

Decreto del ministro delle infrastrutture e dei trasporti 30 aprile 2003 "Individuazione dei soggetti legittimati a sostituire, in caso di assenza od impedimento, i responsabili tecnici delle operazioni di revisione periodica dei veicoli a motore, ai sensi dell'art. 240, comma 2, del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495".

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Deliberazione 12 giugno 2003 "Schema di Accordo concernente le modalità di organizzazione dei corsi di formazione per i responsabili tecnici di operazioni di revisione periodica dei veicoli a motore, da adottarsi ai sensi dell'art. 240, comma 1, lettera h), del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modificazioni."

Delibera del Commissario Prefettizio (competenza Consiglio) n° 29/2015 del 07/08/2015

Regolamento per l'attività di revisioni veicoli

MODULISTICA (file editabili)

 


torna su

trasporti@cittametropolitana.ve.it - fax (0039) 041 2501256